Il tessitore di sogni, di Alex Calvi

Ho ricevuto gratuitamente questo libro da Alex Calvi in cambio di una recensione sincera. Questo non ha avuto effetti sulla mia opinione del libro e quindi sulla recensione che stai per leggere.

Il tessitore di sogni, di Alex CalviIl tessitore di sogni di Alessandro Calvi
Editore: IoScrittore Genere: Narrativa, Thriller
ISBN: B014L9C742
Compra su: IBS :: Amazon :: Feltrinelli
Schede libro: Sito editore :: Goodreads :: Anobii
Il nostro voto: Il tessitore di sogni, di Alex Calvi

Philip è un uomo normale, con un lavoro che in fondo non gli piace più di tanto, ma che cerca di svolgere al meglio, quando la sua tranquilla quotidianità è sconvolta da una drammatica notizia: il suicidio di Sam, suo amico d’infanzia. Ma non c’è nemmeno il tempo di capire come e perché sia potuto succedere, che Philip si trova coinvolto in un’avventura incredibile. Con ancora addosso i terribili segni della recente morte, Sam, proprio lui, si materializza in casa sua per trascinarlo in un’assurda caccia al tesoro, tra luoghi bizzarri e incontri surreali. Ai due presto si unisce il terzo amico di un tempo: Derek, il fratello di Sam. Ma qual è la posta in gioco? Che cosa vuole veramente Sam da Philip? E che cosa c’entra il viaggio nel tempo e nello spazio di un uomo che appare dal nulla e interseca grandi avvenimenti storici, dal Cretaceo alla Seconda guerra mondiale? Le due vicende proseguono parallele, tra colpi di scena inaspettati e ambientazioni affascinanti, fino a confluire in un unico, sorprendente finale. Un finale che alzerà il sipario su una verità ancora più incredibile e getterà una nuova luce su tutta la storia…

Il tessitore di sogni è un romanzo molto particolare, estremamente intrigante fin dall’inizio: incontriamo infatti Philip, il nostro protagonista, che ci racconta della sconvolgente notizia del suicidio del suo amico d’infanzia Sam. E si parte subito con il botto, perché Philip rientra a casa e ci trova proprio Sam, con ancora addosso i segni della sua morte.

Un inizio del genere è indubbiamente accattivante: mi ha portata a chiedermi come mai Sam si trovava lì, che cosa era successo, qual era la fantomatica missione di cui parlava e in cui coinvolgeva l’amico Philip e il fratello Derek. Un altro aspetto molto interessante sta nell’alternanza tra i capitoli in cui Philip, in prima persona, narra l’avventura del trio di amici, e i capitoli ambientati nel passato, in cui un misterioso personaggio si ritrova in epoche e luoghi diversi, spesso in situazioni di pericolo. Il lettore intuisce che tra la storia del trio di amici e quella del misterioso personaggio c’è un legame, anche se lo scoprirà solo alla fine; ed è proprio questa alternanza tra le due vicende a conferire un ottimo ritmo a tutto il romanzo, perché è gestita con molta abilità. Alex Calvi, infatti, riesce a interrompere la vicenda che sta narrando proprio nel momento giusto per mantenere alto e vivo l’interesse del lettore; si è spinti a continuare la lettura proprio perché si vuole assolutamente sapere cosa sta succedendo.

A proposito delle avventure narrate, però, bisogna dire che si tratta di un testo ricco di momenti bizzarri e incredibili, ma questo è già evidente dalla premessa, con il morto suicida che torna per coinvolgere l’amico e il fratello in un’avventura su cui lui stesso non ha le idee molto chiare; la vicenda parallela con il viaggiatore nel tempo potrebbero renderlo poco adatto a chi non ama le storie poco realistiche. Se si riesce a superare questo “scoglio”, però, ci si imbatte in una lettura davvero piacevole.

Unica pecca: la caratterizzazione dei personaggi. Trattandosi di un romanzo in prima persona, ci troviamo con Philip, il protagonista, ben caratterizzato e di cui conosciamo pensieri, paure e riflessioni; per forza di cose, però, gli altri personaggi vengono visti attraverso di lui, e quindi mancano un pochino di quelle sfaccettature che mi avrebbero permesso di amarli ancora di più. Se il non conoscere i pensieri e le motivazioni degli altri personaggi può essere visto come un difetto, diventa però assolutamente un pregio nel creare un finale totalmente inaspettato, che rappresenta il degno coronamento di una vicenda bizzarra, ma profonda.

Se non vi spaventano avventure poco realistiche, viaggi nel tempo e bizzarri personaggi inesistenti, è il libro per voi.

Il tessitore di sogni, di Alex Calvi
I nostri voti
Trama
Il tessitore di sogni, di Alex Calvi
Personaggi
Il tessitore di sogni, di Alex Calvi
Stile
Il tessitore di sogni, di Alex Calvi
Ritmo
Il tessitore di sogni, di Alex Calvi
Copertina
Il tessitore di sogni, di Alex Calvi
Generale:Il tessitore di sogni, di Alex Calvi

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.