Il roseto ardente, di Ellis Peters

Immagine di Il roseto ardente Il roseto ardente è un thriller medievale che vede Fratello Cadfael nei panni del detective.
La trama mi è risultata particolarmente gradita. E’ la storia di una giovane vedova, Judith Perle, che in seguito alla morte del marito ha perso anche il figlio che stava aspettando. Ha donato all’abbazia di Shrewsbury delle sue abitazioni, a una condizione: che il roseto nella proprietà donata alla chiesa sia sempre curato e che ogni anno le venga donata una rosa bianca. E’ molto toccante questo concetto, per come viene descritta Judith, per il suo legame con questo roseto i cui fiori le ricordano il periodo di felicità vissuto accanto al marito.
Ma il roseto sarà anche fonte di tragedie, quando il giovane confratello incaricato della consegna della rosa morirà cercando di difendere il roseto da qualcuno che vuole distruggerlo a colpi d’ascia. A questo punto, le ipotesi si moltiplicano: tutti gli indizi che vengono trovati da fratello Cadfael portano in diverse direzioni e ogni ipotesi è plausibile. Il finale è abbastanza inaspettato: tutto si sarebbe pensato, tranne che fosse proprio quella persona ad attentare al roseto.
Il giallo del roseto, di chi lo vuole distruggere, e di chi, quindi, è l’omicida, non è l’unica cosa che attira l’attenzione del lettore, però. Ci sono anche un paio di sottotrame che sono interessanti e che distolgono, per poco, l’attenzione dal nucleo principale della trama, e che si risolvono alla fine del libro in maniera piuttosto scontata, ma non per questo meno "incisiva", perchè vanno viste in relazione alla descrizione del carattere dei personaggi che è stata man mano fatta dall’autore.
E’ un libro che ho letto in un giorno, che mi è piaciuto molto, e di cui ho adorato la protagonista femminile. Lo consiglio a tutti, perchè è una lettura piacevole, senza pretese, accurata nei dettagli "giallistici", che sviluppa una trama credibile e realistica. Lascia un po’ l’amaro in bocca per il finale, ma si riprende nella scena successiva.
Che non vi svelo perchè è una stupenda sorpresa.


1 comment for “Il roseto ardente, di Ellis Peters

  1. 7 febbraio 2010 at 10:01

    Mi ricordo che del Roseto ardente ho visto l’adattamento per la tv, con Derek Jacobi nella parte di Cadfael. Se riesci a ritrovare i telefilm ti consiglio di guardarne almeno qualcuno, sono trasposti con una certa fedeltà dai libri.

Commenta