Il film tratto da questo libro non sono mai riuscita a vederlo per intero, e l’unica volta che avrei potuto riuscirci mia madre mi disse chi era l’assassino. Poi ho trovato il libro nella mia biblioteca e mi ci sono fiondata: era il primo di Deaver che leggevo e ho cercato di non crearmi troppe aspettative. Alla fine però mi è piaciuto così tanto che l’ho divorato.
Chi ha visto il film conosce già la trama: Rhyme, paraplegico in seguito ad un incidente, è invitato a seguire l’indagine su un serial killer ben strano, affiancato dalla giovane Amelia Sachs, che ha trovato il primo cadavere e ha fatto un ottimo lavoro nel raccogliere gli indizi disponibili e nel bloccare addirittura il traffico per non inquinare la scena del crimine. Attraverso una serie di delitti Rhyme riesce infine a capire che cosa voglia l’assassino, e chi sia in realtà. Credo che l’identità del killer sia il più grosso colpo di scena del libro, che ti tiene sempre in tensione con i suoi risvolti imprevedibili e gli indizi sempre più difficili da decifrare. Inoltre mi è piaciuto anche come sono stati tratteggiati i personaggi, i loro rapporti, e anche la vita di Rhyme come uomo geniale (basta vedere ciò che, nel libro, viene attribuito a lui) costretto però a vivere fermo in un letto con la sola possibilità di gestire le cose con un dito. Inoltre, il libro non dà per scontato nulla: qualsiasi procedura o strumentazione scientifica utilizzata dagli investigatori viene spiegata al lettore, e personalmente ho trovato questo modo di fare molto onesto da parte dell’autore.
Mi ha colpito molto anche la motivazione dietro ai vari omicidi che costellano il libro. Ho trovato interessante il fatto che di ogni vittima venisse data una breve caratterizzazione, e che venissero seguite fino a un momento prima della morte (in alcuni casi davvero spaventosa). Mi è piaciuto perchè mi è sembrato che venisse descritta bene la paura, la volontà di liberarsi di ogni vittima, a tratti la rassegnazione.
Ho poi apprezzato particolarmente il finale, perchè scioglie un tema che è rimasto “latente” per tutto il libro, e che apre la strada anche ai libri successivi di Deaver che vedono Rhyme tra i protagonisti. Insomma, un libro che mi è piaciuto davvero tanto, e che consiglio a tutti gli amanti dei thriller perchè ne vale davvero la pena.

Giudizi
Trama: ★★★★★★★★☆☆
Personaggi: ★★★★★★★★☆☆
Stile: ★★★★★★★★☆☆
Generale: ★★★★★★★★☆☆

Info utili
Titolo e autore originale: The bone collector, Jeffery Deaver Titolo e traduttore italiano: Collana, editore e anno: Romanzi, Sonzogno 1998 ISBN o ISSN: 9788845415159

Acquista ora

Film
Il collezionista di ossa, 1999

Link di approfondimento
La pagina dedicata all’autore sulla Wikipedia italiana e inglese
La pagina dedicata al romanzo sulla Wikipedia italiana
La pagina dedicata al film sulla Wikipedia italiana e inglese
Sito ufficiale dell’autore

Il post ti è stato utile?
Se questo post ti è stato utile, votalo!
Il collezionista di ossa, di Jeffery Deaver
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)

About the author

Annata 1980, ho iniziato a leggere fin da piccola e da allora non mi sono più fermata. E' proprio grazie alla lettura che ho imparato ad amare anche la scrittura; prendevo carta e penna per scrivere la continuazione dei libri che mi piacevano. Dal 2001 scrivo fanfiction, le traduco, e continuo a leggere e scrivere felicemente... e spero di poterlo fare per tanto tempo ancora.

Commenta

Bombax Theme designed by itx
Bear

Amazing Readers: il piacere della lettura is Stephen Fry proof thanks to caching by WP Super Cache