La Marcia su Whook, di Eva Bassa

Acquista su Webster.it: italiano

La Marcia su Whook è un fantasy un po’ particolare: è tutto incentrato infatti sulla Marcia che dà il titolo al romanzo, e sui personaggi che, per vari motivi, ne prendono parte. Si inizia con una leggenda, a far da prologo, e per una buona parte del romanzo non si capirà come mai si è scelto proprio quella vicenda; si continua poi con l’inizio ufficiale della Marcia, a cui partecipano tantissime persone, comprese le donne, che ambiscono al premio finale per chi troverà il leggendario oricalco. Detta così la trama sembra molto semplice, ma in realtà contiene alcuni colpi di scena mirati a vivacizzare una serie di vicende altrimenti piuttosto piatte. E questi colpi di scena sono molto ben riusciti, anche se a volte mi è sembrato che venissero un po’ smorzati dal racconto delle vicende passate dei personaggi: in un caso era piazzata nel mezzo di una battaglia piuttosto importante, e personalmente avrei preferito che venisse spostata più avanti, o che fosse stata fatta un po’ prima (c’era l’occasione per farlo), così da mantenere una tensione piuttosto alta nei momenti in cui la tensione alta è quasi d’obbligo :)! In più, a volte lo stile ricercato è un po’ ‘troppo’: alcuni personaggi, soprattutto nei dialoghi, avrebbero potuto esprimersi in modo un p’ più terra terra, anche per rendere più credibile sia il dialogo che la distanza sociale tra il servitore e, ad esempio, il generale.
Per quanto riguarda i personaggi, mi è piaciuta la rappresentazione del “cattivo” di turno, ossia Allen: definirlo cattivo è un po’ esagerato, ma alla fine è quello il ruolo, seppur sfumato e pronto ai cambiamenti, che ricopre nel romanzo. Mi è piaciuto molto anche il personaggio di Carmen, nonostante sia stato poco trattato rispetto ad altri; non mi è piaciuto affatto invece il personaggio di Rebecca, che avrei preso a sberle più di una volta XD Tutti gli altri ricoprono bene il ruolo che viene loro assegnato dalla trama (nonostante quelle piccole cose sui dialoghi), ma non hanno colpito il mio interesse quanto i tre che ho citato, né in positivo né in negativo.
Per il resto il romanzo è stato piacevole e interessante, anche se ho trovato che fosse scritto un po’ troppo in piccolo, e questo mi rendeva la lettura un po’ più faticosa. Forse non rispecchia totalmente i canoni del fantasy, per cui chi magari è abituato alle grandi battaglie, allo sfoggio di creature magiche e di magia potrebbe restare deluso; in questo romanzo, più che la magia e le creature magiche, ad essere protagoniste sono le persone e ciò che provano e vivono. Si trovano comunque strane creature e gingilli magici che amplificano il potere, soprattutto femminile, ma vengono sempre messi in ombra, a parer mio, dalle persone ‘vere’.
Infine, il romanzo ha un finale piuttosto aperto, che lascia spazio ad un seguito su cui l’autrice, a quanto mi ha detto, sta lavorando; farebbe parte di una trilogia di cui il primo capitolo è L’alba della Magia, graphic novel che potete gustarvi online a questo indirizzo. Probabilmente, leggere prima la graphic novel e poi il romanzo permette di godersi di più vicende e personaggi, come in tutte le trilogie che si rispettino.
Che dire? Un romanzo consigliato a tutti, anche ai non amanti del fantasy. E in bocca al lupo all’autrice per la parte finale della trilogia!

Giudizi

Trama:Rating: ★★★★★★★☆☆☆
Personaggi:Rating: ★★★★★★★☆☆☆
Stile:Rating: ★★★★★★☆☆☆☆
Generale:Overall Rating: ★★★★★★½☆☆☆

Info utili

Titolo e autore originale: La Marcia su Whook, Eva Bassa Collana, editore e anno: Fantasy, Runde Taarn Edizioni, 2009 ISBN o ISSN: 9788861201088


Commenta