Genre: Storico

La passione di Artemisia, di Susan Vreeland

Per accostarsi a questo romanzo, bisogna scindere la figura storica di Artemisia Gentileschi come pittrice italiana di fine Cinquecento – prima metà del Seicento dal personaggio di Artemisia che ci propone il romanzo. Questo perché le vicende biografiche sono diverse, come ci annuncia l’autrice stessa nelle note introduttive, quando afferma che un romanzo storico deve essere “fedele ai fatti solo nella misura in cui i fatti possano fornire un intreccio credibile.” Insomma, non è una biografia e non pretende di essere tale: è piuttosto un romanzo che vuole descrivere Artemisia Gentileschi come donna, come pittrice, servendosi solo di alcuni fatti della sua vita.…
[ Continua a leggere! ]

Gutenberg, di Guy Bechtel

Quando si vuole scrivere una biografia su Gutenberg, bisogna fare molta attenzione per vari motivi. In linea di principio perché Gutenberg è “Colui che ha inventato il libro a stampa”; è stato considerato “L’uomo che ha dato inizio alla cultura moderna” ed è stato ritenuto l’uomo del millennio per le sue scoperte.…
[ Continua a leggere! ]

L’ambiguo malanno, di Eva Cantarella

Un saggio per curiosi e per amanti dell’antichità.
L’autrice ripercorre le tappe della misoginia antica, illustrando la condizione femminile prima nell’antica Grecia e poi nell’antica Roma, sottolineandone somiglianze e differenze, facendo riferimenti ad usi e costumi del tempo (ad esempio, in occasione del matrimonio), intervallando la trattazione con esempi tratti dalle opere antiche.…
[ Continua a leggere! ]

Artemisia, di Alexandra Lapierre

Leggendo La passione di Artemisia, romanzo sulla vita della pittrice Artemisia Gentileschi, vagavo ogni tanto sul web alla ricerca di immagini delle sue opere, soprattutto di quelle descritte nel libro che stavo leggendo. Capitai così nella pagina dedicata alla Gentileschi in Wikipedia, e lessi una breve citazione da questo romanzo della Lapierre: e decisi di leggerlo, anche viste le recensioni più che positive.…
[ Continua a leggere! ]

Medicus, di Noah Gordon

Prima di parlare del libro da recensire, una piccola nota che penso sia indicativa dello spessore del romanzo: ho letto Medicus molto tempo fa, ma nonostante questo ricordo ancora benissimo tutti gli avvenimenti e la trama di quasi 700 pagine, segno che è un romanzo che lascia una scia dietro di sé, che rimane impresso nella mente del lettore (almeno a mio parere!)

Non bisogna farsi spaventare dalla mole: ho già detto che è molto lungo, ma è diviso in brevi paragrafi ed è scritto con uno stile scorrevole e piacevole, per nulla complicato.…
[ Continua a leggere! ]

I tre moschettieri, di Alexandre Dumas (padre)

Cominciando I tre moschettieri mi aspettavo un romanzo molto descrittivo, verboso e di difficile lettura. Fortunatamente, le mie aspettative sono state deluse: il romanzo è coinvolgente, scorrevole e, nonostante i molti film che vi hanno fatto seguito, interessante.

L’attenzione è posta all’azione piuttosto che alla descrizione e alla caratterizzazione dei personaggi: alcuni di essi sono un po’ piatti (Porthos, ad esempio), ma altri si rivelano pieni di sfaccettature sorprendenti e difficilmente il lettore potrà fare a meno di ammirare il coraggio di D’Artagnan e la nobiltà di Porthos.…
[ Continua a leggere! ]

Il Visconte di Bragelonne, di Alexandre Dumas (padre)

Terzo e conclusivo volume del ciclo dei moschettieri, Il Visconte di Bragelonne è un romanzo imponente – non a caso, appartiene alla collana “Mammut” dell’editore Newton Compton – e piuttosto diverso dai due che lo precedono. La sua pubblicazione inizia, sempre a puntate su Le Siècle, in pompa magna nel 1847 (un paio di anni dopo la conclusione del volume precedente) e dura fino al 1850. …
[ Continua a leggere! ]

Vent’anni dopo, di Alexandre Dumas (padre)

Avevamo lasciato, sul finale dei Tre Moschettieri, i quattro amici prendere strade differenti, ciascuno con le proprie più o meno belle speranze all’indomani della presa della Rochelle. Vent’anni dopo lo scenario è profondamente mutato: è il 1648, Richelieu è morto così come il sovrano Luigi XIII, mentre suo figlio – futuro Re Sole – non ha che dieci anni ed è la madre, Anna d’Austria, a governare la Francia con il ruolo di Reggente appoggiandosi al consiglio del cardinale Mazzarino, che a sua volta ha sostituito Richelieu nel ruolo di primo ministro.…
[ Continua a leggere! ]