Il tramezzino del dinosauro, di Marco Belpoliti

Immagine di Il tramezzino del dinosauro Ho aperto una nuova categoria sul blog per questo libro: "Raccolte di articoli". Il tramezzino del dinosauro è la raccolta di una serie di articoli firmati da Marco Belpoliti apparsi su una rubrica settimanale del quotidiano La Stampa, rubrica che è possibile leggere tuttora, se non sbaglio, il lunedì. L’autore analizza volta per volta un oggetto che è entrato a far parte della nostra quotidianità, come può essere il tramezzino, appunto, o i dinosauri così amati dai bambini, o ancora i fidanzati, l’evidenziatore, gli scarabocchi…in tutto, 100 capitoletti per 100 oggetti, o comportamenti, o piccole manie di cui vengono svelati piccoli segreti, curiosità e a volte un po’ di storia che l’abitudine può averci fatto dimenticare. Capitoletti che, tra l’altro, non c’è bisogno di leggere nello stesso ordine in cui il libro li presenta: si può saltare dall’uno all’altro come si preferisce, seguire l’ordine o invertirlo, scorrere l’indice e prendere il capitoletto dedicato all’oggetto che magari stiamo tenendo in mano. Ma se da una parte questo può essere un pregio (non c’è nessun filo logico da seguire), dall’altra parte può rendere il libro un po’ frammentato. A tratti mi ha un pochino annoiata, anche se lo stile dell’autore è tutt’altro che noioso, e le nozioni che svela a volte sono sorprendenti e stuzzicano la curiosità. Ma credo che tutto questo sia proprio più adatto a una rubrica a cadenza settimanale, per cui in fin dei conti gli articoli sono pensati, piuttosto che a una raccolta come questa.
Di certo, gli amanti della curiosità, della storia dei piccoli oggetti, delle nozioni difficile da trovare e per questo anche più interessanti, apprezzeranno il libro. Per me e per il mio gusto personale, la rubrica su La Stampa è molto più godibile e riesce ad attirare maggiormente la mia attenzione. Nonostante tutto, il libro è simpatico, un po’ divertente e un po’ serio, e fa passare un buon pomeriggio a scoprire cose che non si sapevano. Il che è sempre un pregio.


Commenta