George R. R. Martin

George Raymond Richard Martin era un buon autore di fantascienza americano prima di dedicarsi alla sua saga lunga di stampo fantasy, Le Cronache di Ghiaccio e del Fuoco (The Song of Ice and Fire in originale).

La sua produzione è giunta in Italia in modo frammentario, vuoi perché era prima di tutto conosciuto per i suoi racconti fantascientifici pubblicati poi in antologie da vari editori italiani, vuoi perché la Mondadori ha deciso di dividere i suoi romanzi in più parti uscite separatamente creando non poca confusione nei lettori.…
[ Continua a leggere! ]

Marcovaldo, di Italo Calvino

Marcovaldo è un personaggio con cui ho avuto a che fare da bambina, alle elementari, quando nel libro di lettura c’erano alcune sue avventure, e poi all’università, quando m’ha fatto dannare sulla traduzione in inglese. Ma è un personaggio che, anche se conosciuto a sprazzi e a volte per adattamenti, mi ha sempre affascinato e intenerito, in qualche modo.…
[ Continua a leggere! ]

Il gabbiano Jonathan Livingston, Richard Bach

Chi è Jonathan Livingston?
Un esploratore? Uno scrittore? Un valoroso combattente distintosi durante la guerra dell’Indipendenza?
Assolutamente no. Jonathan Livingston è un gabbiano. Un semplice gabbiano che vive assoggettato alle consuetudini dello stormo Buonappetito. Ma Jon non è un gabbiano come tutti gli altri: egli non si accontenta di vivere per mangiare, di rispettare le regole per il volo, di essere come tutti gli altri.…
[ Continua a leggere! ]

Follia di Patrick McGrath

“Follia” è una storia d’amore, ma non esattamente. E’ più un’analisi minuziosa di un sentimento intenso, totalizzante, esclusivo, visto con gli occhi clinici di Peter, uno psichiatra. Lui stesso definisce questo sentimento un “amore catastrofico contraddistinto da ossessione sessuale”.…
[ Continua a leggere! ]

Cleansed, di Sarah Kane

Cleansed è violento. E’ accecante. E’ "senza senso", nel senso che tutta quella violenza sbattuta sul palcoscenico non ha uno scopo se non il soddisfacimento della crudeltà umana, che qui raggiunge picchi spaventosi. E’ assordante, perchè i personaggi si alternano, soffrono, vengono seviziati e umiliati e l’unica luce di speranza è un fiore giallo che spunta e che la protagonista definisce "lovely".…
[ Continua a leggere! ]