L’ambiguo malanno, di Eva Cantarella

L'ambiguo malanno, di Eva Cantarella

Un saggio per curiosi e per amanti dell’antichità.
L’autrice ripercorre le tappe della misoginia antica, illustrando la condizione femminile prima nell’antica Grecia e poi nell’antica Roma, sottolineandone somiglianze e differenze, facendo riferimenti ad usi e costumi del tempo (ad esempio, in occasione del matrimonio), intervallando la trattazione con esempi tratti dalle opere antiche.…
[ Continua a leggere! ]

Lettera sulla tolleranza, di John Locke

Lettera sulla tolleranza, di John Locke

Credo che i classici del pensiero, come appunto la Lettera sulla tolleranza di Locke, abbiano la capacità di sembrare attualissimi nonostante siano stati scritti secoli prima. Leggere oggi questa epistola e le riflessioni in essa contenute fa pensare al dibattito sulla tolleranza (in particolare quella religiosa) e alla separazione tra Chiesa (qualunque Chiesa sia) e Stato.…
[ Continua a leggere! ]

Tutto per una ragazza, di Nick Hornby

Sam è “segnato”: viene da una famiglia in cui, all’età di quindici anni, già si maneggiavano pannolini e biberon. Comprensibilmente, è un po’ spaventato dal sesso, convinto di rimanerci incastrato come da tradizione familiare: è appassionato di skateboard e il suo idolo è un grande skater di cui tiene un poster enorme in camera da letto, di cui conosce a memoria un libro autobiografico e con cui, a volte, parla, confidandosi, dandosi da solo le risposte traendole dal libro di cui conosce ogni frase.…
[ Continua a leggere! ]

Il petalo cremisi e il bianco, di Michel Faber

*Attenzione: possibili spoiler!*
Spero di non attirarmi una fila di accidenti con quello che sto per dire, ma francamente, non capisco il motivo di tanti elogi a questo libro. Descritto come il più grande romanzo neovittoriano, elogiato come addirittura "meglio del sesso", ricco di erotismo… be’, io sinceramente non ho trovato nulla di tutto questo.…
[ Continua a leggere! ]

Murata viva, di Leila

Murata viva, di Leila

Murata viva è un libro per certi versi durissimo, quasi indigeribile. La sua autrice (che usa Leila come pseudonimo) è una ragazza musulmana che vive in Francia, e che subisce tutta una serie di umiliazioni e imposizioni che racconta con lucidità, con semplicità, ma non per questo con poco sentimento.…
[ Continua a leggere! ]