Sogni di Bunker Hill, John Fante

"Sogni di Bunker Hill" è l’ultimo romanzo di John Fante, che, secondo quanto si racconta, lo stesso dettò alla moglie, Joyce Smart, sul letto di morte. E’ anche il quarto e ultimo libro del ciclo autobiografico incentrato sul personaggio di Arturo Bandini e ambientato nella Hollywood degli anni ’30 e ’40. 

La narrazione ruota attorno alla quotidianità di Arturo Bandini, neo scrittore, emigrato ad Hollywood alla ricerca di fama e denaro.…
[ Continua a leggere! ]

Risvegliare l’eroe dentro di noi, di Carol S. Pearson

Questo libro da una parte mi è piaciuto e dall’altra mi ha lasciato perplessa. La parte più interessante è quella dell’interpretazione del viaggio dell’Eroe dal punto di vista di dodici archetipi e di tutta la psicologia che si fonda sulla teoria degli archetipi; quando però il libro propone esercizi da fare per "risvegliare l’eroe", mi è sembrato uno di quei libri che ti promettono mari e monti e alla fine hanno poca sostanza.…
[ Continua a leggere! ]

Le relazioni pericolose, di Pierre Choderlos de Laclos

Le relazioni pericolose, di Pierre Choderlos de Laclos

“Ma Valmont non è di questa razza: la sua condotta è il risultato delle sue idee innate. Sa calcolare tutti gli orrori che un uomo può concedersi senza compromettersi e, per esercitare la sua crudeltà senza rischi, ha scelto come vittime le donne.”
Romanzo epistolare che, ai tempi, fu considerato scandaloso tanto da creare problemi al suo autore, Le relazioni pericolose narra, attraverso una serie di lettere di diversi personaggi, accuratamente ordinate, gli intrighi di due personaggi piuttosto libertini per sedurre una virtuosa signora sposata l’uno e una ragazzina appena uscita da un convento per sposarsi.…
[ Continua a leggere! ]

Recensione: Diario semiserio di una redattrice a progetto, di Sara Lorenzini

ATTENZIONE! La recensione seguente contiene critiche e spoiler. Se non accettate le prime e detestate i secondi, forse è meglio se non continuate a leggere.

Recensire un libro brutto sembra, a prima vista, più facile. In realtà, parlare di un libro brutto costringe un recensore a dover motivare le sue critiche con esempi concreti, copiando le righe incriminate o facendo lunghe premesse per supportare le sue tesi.…
[ Continua a leggere! ]

The strange case of Dr Jekyll and Mr Hyde, di Robert L. Stevenson

I personaggi di questo libro sono diventati così famosi che a volte si usano i loro nomi, come un modo di dire, per indicare due facce opposte della stessa persona. E devo dire che la loro fama è strameritata: dietro ai nomi, e a ciò che evocano anche in chi non ha mai letto quanto scritto da Stevenson, c’è infatti un concetto forte, affascinante, interpretato in una maniera originale e accattivante.…
[ Continua a leggere! ]