On writing, di Stephen King

Difficile da classificare, On Writing: è insieme un’autobiografia di scrittore e di uomo, e un saggio su cosa serve per scrivere, sempre secondo King. Abbiamo di fronte un uomo che, nonostante da decenni sforni best-sellers, non sembra aver perso la semplicità del ragazzo che scrisse Carrie tenendo in bilico sulle ginocchia tavolino e macchina da scrivere.…
[ Continua a leggere! ]

Diary, di Chuck Palahniuk

Diary è diverso rispetto ad altri libri di Palahniuk, come Invisible Monsters e Fight Club, più complesso e completo. Sia l’ambientazione che la descrizione dei personaggi sono molto più approfondite e rivestono il ruolo principale nella comprensione della trama: è l’isola su cui si svolgono le vicende, Waytandsea, la vera protagonista del romanzo.…
[ Continua a leggere! ]

La donna del fiume, di Candace Robb

La donna del fiume è il quarto libro della serie "I misteri di Owen Archer", un ciclo di thriller medievali che hanno per protagonista il nostro ex-arciere, cieco da un occhio. In questo "episodio", Owen Archer è chiamato a fare chiarezza su un intrigo di corte che rischia di mettere in guai seri il suo amico Ned Townley; la trama non è delle più brillanti, anche se ci sono alcune rivelazioni che non ci si aspetta.…
[ Continua a leggere! ]

Il sorriso dell’ignoto marinaio, di Vincenzo Consolo

Sulla copertina de Il sorriso dell’ignoto marinaio campeggia l’omonimo “Ritratto d’ignoto marinaio” di Antonello da Messina, certamente non famoso quanto la Gioconda di Leonardo ma dotato di un sorriso altrettanto ironico ed enigmatico. Le vicende del romanzo prendono inizio proprio dal viaggio in nave di Enrico Pirajno, Barone di Mandralisca dopo la scoperta del prezioso nella bottega di uno speziale a Lipari; come si può leggere nella finale “Nota dell’autore, vent’anni dopo” è questo un episodio realmente accaduto che, insieme ad altre considerazioni storiche e personali hanno spinto Consolo alla stesura di questo testo: dopo la pubblicazione di un primo romanzo, notato da Sciascia ma snobbato dai critici del tempo, lo scrittore siciliano, seguendo l’esempio di maestri come Verga, si trasferì a Milano, dove si trovò invischiato nel dibattito politico e nelle rivolte sessantottine.…
[ Continua a leggere! ]