Lettera a un bambino mai nato, di Oriana Fallaci

Cosa si agita in una donna quando scopre di essere incinta, ed è presa in mezzo tra la decisione di crescerlo, anche da sola, e quella di abortire, seguendo il consiglio di chi la giudica?
La lettera è breve. Circa 100 pagine, se non ricordo male, ma in queste pagine la Fallaci alterna l’amore per una vita che vorrebbe dare alla rabbia per quello che significa donare questa vita: rinunciare alla carriera, essere giudicata dal ginecologo, ricordare i momenti scuri dell’infanzia non troppo felice.…
[ Continua a leggere! ]

I libri di Luca, di Mikkel Birkegaard

*Attenzione: possibili anticipazioni sulla trama!*

Questo è un altro di quei romanzi in cui un’ottima base di partenza si stempera poco a poco in una trama che sa di "già visto". Eppure, leggendo la quarta di copertina, si pensa di essere di fronte a un romanzo molto affascinante: l’idea principale, infatti, è che il leggere ad alta voce possa permettere, ad alcune persone, di influenzare la mente altrui.…
[ Continua a leggere! ]

In carne e ossa, di Christa Wolf

Una donna viene trasportata in ospedale. E’ ferita, le vengono febbri altissime, e i medici continuano a sottoporla a tac ed interventi chirurgici per rimuovere focolai che continuano ostinatamente a comparire. E mentre al di fuori ci sono le cure, le persone dell’ospedale, le infermiere così differenti, i medici che non parlano delle condizioni della donna e donne delle pulizie che le fanno confidenze veloci, nella mente della protagonista si mescola passato e presente, ricordi e situazione attuale, a volte rendendo anche la narrazione un po’ più confusa e richiedendo al lettore una particolare attenzione per capire.…
[ Continua a leggere! ]