Nuovo repertorio dei pazzi della città di Palermo, di Roberto Alajmo

<<Uno era Fulco di Verdura, che venne investito da un taxi a Londra, in Eaton Square. Negli ultimi istanti di lucidità sentì il poliziotto sussurrare quel che stava scrivendo sul referto: “…di anni settantotto…”
“…sessantotto…” precisò lui mentendo, e morì.>>

<<Uno abitava a San Giuseppe Jato e andava ogni giorno a Partinico per cantare Stasera mi butto alle liceali che uscivano da scuola.>>

Nuovo repertorio dei pazzi della città di Palermo è ciò che vedete in queste citazioni: una raccolta di brevi aneddoti su personaggi di Palermo e della Sicilia in generale.…
[ Continua a leggere! ]

Soffocare, di Chuck Palahniuk

Premetto dicendo che io amo Chuck Palahniunk. L’ho scoperto con Cavie e sono rimasta stregata dal suo stile, riconoscibilissimo attraverso diversi elementi: la struttura delle frasi (brevi, dirette, che strizzano l’occhio al parlato), il lessico (crudo, senza fronzoli o filtri … o ti va bene o ti va bene… non ce n’è), gli argomenti (sempre al limite.…
[ Continua a leggere! ]

Io sono un gatto – Natsume Soseki

Siamo agli inizi del novecento, un periodo di transizione per il Giappone che si stà avvicinando all’occidente.
La storia è scritta in prima persona da un gatto, a cui nessuno ha mai dato un nome, che vive a casa di un professore di inglese e ne descrive le sue patetiche giornate, passate a dormire, lamentarsi dei suoi problemi di stomaco, spettegolare e filosofeggiare con i suoi amici.…
[ Continua a leggere! ]