Una testa mozzata, di Irvine Welsh

testa-mozzataL’ultima volta ho commentato Tutto per una ragazza, di Nick Hornby, descrivendolo come un libro fresco e a tratti dolce sull’adolescenza, l’amore, i problemi che fanno crescere presto. Una testa mozzata di Welsh, sebbene condivida in parte la tematica (soprattutto per il rapporto di personaggi giovani con l’amore) è tutto su un altro piano. Se con Hornby avevamo un romanzo divertente, che fa sorridere, mai sboccato e sempre con una sorta di pudore adolescenziale, qui abbiamo invece un linguaggio che sfocia spesso nel volgare, che non lesina sui dettagli anche più scabrosi e che presenta personaggi molto più smaliziati. Chi conosce Welsh sa già a che cosa si trova di fronte: credo che lo scoglio maggiore sia il linguaggio usato, che a volte può risultare fastidioso. Per il resto, la storia è abbastanza particolare, un po’ credibile e un po’ no, e anche se, alla fine, non mi è piaciuta più di tanto, ha un po’ di fascino che ti tiene legato al libro fino alla fine.
Abbiamo a che fare con personaggi che non disdegnano nè l’alcol nè la droga, e che raccontano il sesso in una maniera così esplicita che a volte può sembrare anche volgare. Il bello della storia è che viene raccontata da due voci diverse: quella maschile, più sboccata e dritta al sodo, e quella femminile, più delicata, se vogliamo, ed entrambe raccontano l’avvicinamento di due ragazzi che prima non si degnavano di uno sguardo e poi, piano piano, finiscono per formare una coppia. Lui, Jason, ha appena avuto una grossa delusione d’amore: la ragazza dei suoi sogni se la fa con un tizio volgare e un po’ violento. Lei, Jenni, invece, vive da sempre all’ombra dell’amica Lara (che casualmente è la ragazza dei sogni di cui sopra), con cui pratica l’ippica ma con risultati che sembrano anche più scadenti di fronte a quelli brillanti di Lara. In mezzo a tutto questo un amico del protagonista, vissuto per molto tempo in Spagna, che torna a causa della madre e che diventa ben presto il sogno erotico di Jenni, ma che va incontro a una fine piuttosto brutta. Ciò che segue è talmente incredibile da essere totalmente in linea con i personaggi, naturale come non poteva essere altro.
In definitiva è un romanzo particolare, che racconta l’adolescenza, il sesso, e se vogliamo anche l’amore in una maniera totalmente diversa da quella che ad esempio troviamo in Hornby, ma non per questo meno interessante. Il confronto può essere valido solo fino a un certo punto, però: si possono considerare le due storie come due facce della stessa medaglia, ma a un certo punto le cose si biforcano. I personaggi di Welsh non hanno paura, le loro difficoltà sono altre, i conflitti sono più inaspriti e a volte più difficili da gestire. Si potrebbe dire che, per certi versi, siamo di fronte a personaggi più maturi, sicuramente più disincantati, abituarsi a conquistarsi coi denti ciò che vogliono. Per questo credo che, anche se personalmente ho preferito Hornby, se si riesce a superare lo scoglio del linguaggio crudo e sboccato di Welsh, anche Una testa mozzata valga la pena di essere letto. Anche solo per avere un punto di vista diverso – e sia maschile che femminile – sulla stessa adolescenza.

Giudizi

Trama:Rating: ★★★★★★★★☆☆
Personaggi:Rating: ★★★★★★★★☆☆
Stile:Rating: ★★★★★★★★☆☆
Generale:Overall Rating: ★★★★★★★★☆☆

Info utili

Titolo e autore originale: Kingdom of Fife, Irvine Welsh Titolo e traduttore italiano: Una testa mozzata, Massimo Bocchiola Collana, editore e anno: Narratori della fenice, Guanda 2008 ISBN o ISSN: 9788860880826 Prezzo (in media): € 15,00

Acquista ora
Nota: su alcuni siti la versione qui recensita non era disponibile. Troverete quindi, dove possibile, una versione diversa. Il prezzo può variare per questo motivo.
Acquista su Amazon
Link di approfondimento

La pagina dedicata a Una testa mozzata sulla Wikipedia italiana
[sc:irvine_welsh ]


Commenta