Il sorriso dell’ignoto marinaio, di Vincenzo Consolo

Sulla copertina de Il sorriso dell’ignoto marinaio campeggia l’omonimo “Ritratto d’ignoto marinaio” di Antonello da Messina, certamente non famoso quanto la Gioconda di Leonardo ma dotato di un sorriso altrettanto ironico ed enigmatico. Le vicende del romanzo prendono inizio proprio dal viaggio in nave di Enrico Pirajno, Barone di Mandralisca dopo la scoperta del prezioso nella bottega di uno speziale a Lipari; come si può leggere nella finale “Nota dell’autore, vent’anni dopo” è questo un episodio realmente accaduto che, insieme ad altre considerazioni storiche e personali hanno spinto Consolo alla stesura di questo testo: dopo la pubblicazione di un primo romanzo, notato da Sciascia ma snobbato dai critici del tempo, lo scrittore siciliano, seguendo l’esempio di maestri come Verga, si trasferì a Milano, dove si trovò invischiato nel dibattito politico e nelle rivolte sessantottine. Ciò coincise anche con un periodo di impasse letteraria, caratterizzato da una completa assenza dalla scena italiana. Durante questo periodo, durato 13 anni, Consolo maturò i tratti di questo romanzo che lo portarono all’attenzione del pubblico e della critica.

La lunga “gestazione” e il meticoloso lavoro che stanno dietro a queste 150 pagine sono evidenti nell’accuratezza dei dettagli e nella scelta delle singole parole. Ne risulta un lavoro di difficile lettura, molto complesso: durante la lettura è spesso necessario tornare indietro e rileggere una pagina per la seconda volta. I vocaboli utilizzati sono anch’essi poco comuni e anche io che sono siciliana, ho avuto bisogno di cercare o chiedere il significato di alcuni di essi (soprattutto i termini tecnici legati agli attrezzi per la pesca o le filastrocche in dialetto). Tutto ciò non sminuisce certo il valore di questo romanzo, che consiglio a tutti gli appassionati della lettura alla ricerca di qualcosa di particolare e innovativo nel panorama italiano.

Cosa rende il “Sorriso” così particolare? Ancora una volta le caratteristiche principali sono date dall’autore nella nota finale: romanzo storico, sulla scia di Tomasi di Lampedusa e Verga, e sperimentazione linguistica, sulla scia di Gadda e Pasolini. Gli eventi raccontati riguardano un arco di tempo tra il 1856 e il 1860, anno di arrivo dei Mille in Sicilia e si svolgono nel nord della Sicilia, nella zona compresa tra Palermo e Messina, tra i Nebrodi e le Madonie. La storia del barone di Mandralisca è legata a quella risorgimentale italiana (potremmo parlare di un Gattopardo a rovescio), vista alternativamente con gli occhi di un nobile dalle idee liberali appassionato di conchiglie e reperti antichi e con quelli dei contadini che insorgono ad Alcàra Li Fusi per farsi giustizia dei notabili della città. Vengono tutte raccontate a noi mediante documenti vari: lettere, la cronaca del viaggio del barone, scritte sui muri di una prigione, decreti e, in parte, da un narratore estraneo alla vicenda.

Una notevole frazione della prima parte del libro, precedente allo sbarco di Garibaldi in Sicilia, è occupata da stupende descrizioni dei luoghi in cui si svolge la vicenda; la narrazione è invece più veloce e scorrevole nella seconda parte, in cui sono invece inserite delle considerazioni sul racconto di fatti riguardanti i contadini da parte di un narratore (il Pirajno) di condizione diversa.

La chiave di lettura della vicenda è proprio nell’insurrezione di un paese dell’entroterra, metafora delle proteste sessantottine, nelle sue motivazione e nel trattamento riservato ai responsabili, che devono far riflettere sulle condizioni di vita dei cittadini e sulle loro conseguenze, nonché sul giudizio che si dà di altre epoche storiche o di eventi prossimi.

Giudizi
Trama:Rating: ★★★★★★★★☆☆
Personaggi:Rating: ★★★★★☆☆☆☆☆
Stile:Rating: ★★★★★★★★★★
Generale:Overall Rating: ★★★★★★★½☆☆

Info utili
Titolo e autore originale: Il sorriso dell'ignoto marinario, Vincenzo Consolo Collana, editore e anno: Oscar classici moderni, Mondadori, 2004 ISBN o ISSN: 9788804528548

Acquista ora

Acquista su Amazon

Link di approfondimento
Pagina dedicata all’autore sulla Wikipedia italiana e inglese
Pagina dedicata al romanzo sulla Wikipedia italiana
Pagina dedicata ad Antonello da Messina sulla Wikipedia italiana e inglese
Pagina dedicata al Ritratto d’ignoto marinaio sulla Wikipedia italiana
Scheda del libro su italialibri.net


Commenta