La guerra degli elfi, di Herbie Breannan

Un libro con un titolo come questo fa subito pensare a un fantasy tradizionale: ambientazione medievaleggiante, antichi dissapori tra razze magiche ed eserciti nemici pronti a fronteggiarsi sul campo di battaglia. “La guerra degli elfi”, invece, si discosta parecchio da tutto questo riservando notevoli sorprese.

Il sipario si apre sulla stanza di un ragazzino intento a costruire un modellino di cartapesta. Henry, questo il suo nome, è un adolescente come tanti. Durante le vacanze estive guadagna qualcosa aiutando il vecchio signor Fogarty  a svolgere le faccende domestiche. Normale amministrazione fino a che, lavorando nel suo giardino, non catturerà un elfo scambiandolo per una farfalla. Si tratta di Pyrgus Malvae, principe ereditario del Regno degli Elfi, fuggito nel Mondo Analogo (il nostro) per mettersi in salvo dai brutti ceffi che gli danno la caccia.

La vera avventura comincia proprio con questo bizzarro incontro che costringe due realtà assolutamente distanti a entrare in contatto tra loro.

I vari capitoli inducono il lettore ad affacciarsi alternativamente sull’uno o l’altro mondo per seguire lo svolgersi di una storia incredibile quanto divertente.

Elemento che vivacizza e attraversa l’intero romanzo al pari di un fil rouge è l’umorismo che caratterizza lo stile narrativo di Brennan. Sebbene l’autore non ci risparmi scene da brivido e descrizioni dalle sfumature horror, non abbandona mai una certa vena ironica. Si ha quasi l’impressione che egli stesso non prenda i suoi personaggi sul serio fino in fondo o che si diverta a giocare con loro. Così il malvagio e temibilissimo Sulfureo si ritrova a essere affiancato da un buffissimo Bombix, un cattivo tutto ciccia che si trucca come una donna e suscita più ilarità che timore.

Stessa sorte tocca ai “buoni” che, lungi dall’apparire come eroi perfetti rivelano limiti e debolezze. Basti pensare al principe Pyrgus fervente animalista più interessato alle sorti di fenici e gattini che a quelle del regno, al signor Fogarty, un autentico scienziato pazzo convinto che gli alieni costituiscano una costante minaccia per il nostro mondo o ad Henry, un adolescente in crisi che fatica ad accettare la separazione dei suoi genitori.

Personaggi che, nelle pieghe della loro stravaganza nascondono tratti assai familiari e che proprio in virtù di questo riescono con estrema facilità a suscitare simpatia in chi legge.

Un po’ deludente il finale che sembra affrettato e, per alcuni versi, semplicistico ma trattandosi del primo volume di una saga, tutto lascia presagire che le sorprese non finiscano qui.

Giudizi
Trama:Rating: ★★★★★★★★☆☆
Personaggi:Rating: ★★★★★★★★★☆
Stile:Rating: ★★★★★★★★★☆
Generale:Overall Rating: ★★★★★★★★½☆

Info utili
Titolo e autore originale: La guerra degli elfi, Herbie Brennan Titolo e traduttore italiano: La guerra degli elfi, Angela Ragusa Collana, editore e anno: Oscar Mondadori. Mondadori, 2004 ISBN o ISSN: 9788804530268 Prezzo (in media): € 9,00

Acquista ora

Acquista su Amazon

Link di approfondimento
La pagina dedicata a La guerra degli elfi sulla Wikipedia italiana e inglese
Sito ufficiale dedicato a La guerra degli elfi (inglese)
[table id=12 /]


Commenta