Il discepolo, di Elizabeth Kostova

Acquista su Webster: italiano inglese
Acquista su Amazon: inglese

I vampiri e il conte Dracula sono stati al centro di migliaia di romanzi, pseudo-saggi e saggi storici (non dimentichiamo che dietro la leggendaria figura del conte Dracula c’è l’imperatore Vlad Tepes). Ebbene, un altro libro tra tanti, si potrebbe pensare. Eppure, c’è qualcosa in più in questo romanzo che ha richiesto dieci anni di ricerche e di scrittura, qualcosa che permette di inserirlo nella Letteratura, non solo nel novero dei “romanzi da spiaggia”.

Non siamo qui di fronte al classico romanzo “vampiresco”, in cui  il “freddo” seduce ragazze o uccide per sopravvivere; si tratta, piuttosto, di una completa riscrittura del genere, e il presunto protagonista appare solo dopo aver letto i tre quarti della storia. L’attenzione è focalizzata piuttosto verso la scoperta di nuovi luoghi, luoghi che permettano una maggiore comprensione degli altri, che cambino la visione da cui comincia la storia. Lo spunto per l’inizio della narrazione è una lettera trovata da una ragazza che la porta alla ricerca del padre, a sua volta partito molti anni prima alla ricerca del suo mentore, anch’egli in viaggio sulle tracce del mitico conte Dracula. Raccontare l’intera trama sarebbe impossibile: è compito del lettore seguire la protagonista in un viaggio nell’Europa dell’Est, nei luoghi teatro delle vicende del conte vampiro e del suo ispiratore Vlad Tepes. Ciò che contraddistingue il romanzo è infatti l’accurata ricostruzione dei luoghi e delle vicende storiche che giacciono dietro il tessuto di leggende sorte dal Medioevo in poi. Lo spazio per il soprannaturale, per quel brivido che percorre la schiena nelle ultime pagine, è preceduto da molte peripezie della giovane protagonista nei luoghi più disparati, dai monasteri alle chiesette di montagna alle biblioteche. Ovviamente, questo rallenta un po’ lo svolgersi della vicenda, ma una notevole attenzione alla parte stilistica della scrittura permette di mantenere viva l’attenzione lungo tutte le quasi 700 pagine.

Sono presenti molte citazioni dei precedenti letterati di questo romanzo, dal classico di Bram Stoker ai saggi di Elisabeth Miller. Tutto è amalgamato in un pastiche linguistico di lettere, diari, narrazione “pura”, che dimostra l’attenzione posta dall’autrice nella stesura.

Giudizi
Trama:Rating: ★★★★★★★★★☆
Personaggi:Rating: ★★★★★★★★☆☆
Stile:Rating: ★★★★★★★★★☆
Generale:Overall Rating: ★★★★★★★★½☆

Info utili
Titolo e autore originale: The Historian, Elizabeth Kostova Titolo e traduttore italiano: Il discepolo, Maria Barbara Piccioli Collana, editore e anno: Narrativa, BUR Biblioteca Universale Rizzoli 2006 ISBN o ISSN: 9788817011433

Link di approfondimento
La pagina dell’autore su Wikipedia inglese
La pagina del romanzo su Wikipedia inglese
La pagina su Dracula su Wikipedia italiana e inglese
La pagina su Vlad Tepes, personaggio storico ispiratore di Dracula, su Wikipedia italiana e inglese
Sito della Elizabeth Kostova Foundation (inglese)


Commenta