Chi siamo

Amazing Readers è nato tanti anni fa, sulla piattaforma Altervista.
L’idea mi venne quando, dopo aver letto Moll Flanders, di Daniel Defoe, decisi di voler condividere le mie impressioni. A quei tempi, era di moda tenere sui propri blog uno specchietto con ciò che si stava leggendo, ascoltando, guardando… ma per la mia idea, uno specchietto simile non era proprio adatto. E così nacque il blog, a cui le persone si iscrivevano e postavano recensioni, proprio come adesso. Ma piano piano le persone smisero di interessarsi al progetto, e decisi di fare qualcosa per “ravvivare” il blog.

Tempo dopo, Amazing Readers si è spostato sulla piattaforma Iobloggo. Qui si è allargato ad altri utenti, anche perché bastava un invito a un membro della community perché potesse scrivere sul blog. Ma anche qui, dopo qualche tempo c’è stato un calo di interessamento, e da qui il nuovo cambiamento: diventare un blog Paid to Write.

Ed è così che Amazing Readers ha avuto il suo spostamento definitivo su un dominio. E’ diventato, appunto, un blog Paid to Write, dando la possibilità ai recensori di guadagnare dalle proprie recensioni con l’utilizzo di Adsense. Ha aperto una sezione per gli Esordienti, ha avviato il programma a punti, e in definitiva è diventato ciò che vedete oggi. Un po’ diverso dall’inizio, ma nel nucleo è sempre la stessa cosa: un blog fatto da chi ama leggere per chi ama leggere.

Disclaimer sui banner nel sito

Questo sito contiene pubblicità.

Il motivo principale è, appunto, che siamo un blog Paid to Write, e l’unico modo che al momento ho trovato è tramite Adsense. Gli altri banner pubblicitari servono al sostegno del sito (ovvero al pagamento del dominio). Eventuale eccedenza viene accantonata per l’anno successivo e comunque sempre utilizzata per il sito.

Il sito contiene anche link di affiliazione. Si tratta dei vari link della sezione Acquista ora, Audiolibri e Amazon di ogni recensione e del link di ogni specchietto a inizio recensione, che porta ad Amazon. Acquistare tramite questi link fa guadagnare al sito una piccola percentuale (anche se l’acquisto non riguarda il titolo recensito). L’amministrazione del sito non può sapere chi ha acquistato cosa. Al massimo, vede un riepilogo degli acquisti offerto dai siti di affiliazione, per una questione di chiarezza sul calcolo della percentuale.

La sezione Acquista ora ha subito varie modifiche, tra cui quella finale, risalente al settembre 2013, che ha eliminato i link al singolo titolo per inserire, invece, link generici ai siti di acquisto. Questo per evitare eventuali modifiche successive all’inserimento dei link, nonché per lasciare libero il lettore di scegliere l’edizione che più preferisce.
Il link diretto verrà utilizzato solo nel caso di testi rari o che risultino fuori catalogo, per agevolare le ricerche.
La percentuale viene riconosciuta al sito solo se l’acquisto viene fatto tramite i link/banner presenti ed entro un certo periodo di tempo, variabile da sito a sito.

Commenta