Autore: Alessia Heartilly

Annata 1980, ho iniziato a leggere fin da piccola e da allora non mi sono più fermata. E' proprio grazie alla lettura che ho imparato ad amare anche la scrittura; prendevo carta e penna per scrivere la continuazione dei libri che mi piacevano. Dal 2001 scrivo fanfiction, le traduco, e continuo a leggere e scrivere felicemente... e spero di poterlo fare per tanto tempo ancora.

La chioma di Berenice, di Denis Guedj

Sapevate che nel III secolo a.C. Eratostene, astronomo alla corte di Alessandria, riuscì a misurare la circonferenza della terra, sbagliando di poche centinaia di chilometri rispetto all’attuale misurazione ufficiale?
La chioma di Berenice racconta questa grande avventura, descrivendo la vita di Eratostene come bibliotecario di Alessandria, come tutore dei figli del re Tolomeo, come capo della missione di misurazione.…
[ Continua a leggere! ]

La regina della casa, di Sophie Kinsella

Samantha è un avvocato di successo, tutta incentrata sul suo lavoro, in procinto di ricevere un’importante promozione nello studio in cui lavora. Ma un giorno si accorge di aver fatto un errore, e che errore! E così, in preda al panico e allo shock, esce dallo studio, sale su un treno e si ritrova in un paesino sperduto; bussa a una porta e i padroni di casa la scambiano per la nuova domestica.…
[ Continua a leggere! ]

Il Re di Spade, di Nick Stone

«Il Re di Spade», spiegò Javier guardando la parte finale del tavolo dell’obitorio. «La carta rappresenta un uomo di grande potere e influenza, un uomo aggressivo. Può essere valido alleato o temibile nemico, a seconda del punto in cui viene fuori durante la lettura delle carte.
[ Continua a leggere! ]

L’adultera, di Giuseppe Conte

Protagonista di questo romanzo di Giuseppe Conte è l’adultera che Gesù Cristo salvò dalla lapidazione, con la celebre frase "chi è senza peccato, scagli la prima pietra". Il romanzo ripercorre la vita intera di questa donna, dall’infanzia fino alla vecchiaia in cui, nella Roma incendiata da Nerone, si trova a mettere per iscritto nelle sue memorie la sua vita di amori e sofferenze, segnata da quell’incontro con il Maestro che la salvò dalla morte.…
[ Continua a leggere! ]

Ritratti d’artista, di Susan Vreeland

Voglio inaugurare con questo libro un esperimento: quella della recensione in corso di lettura, che trova il suo posto quindi in due categorie, quella relativa al libro, e quella del Reading Log. Siete liberi di fare lo stesso, se vi va 🙂
Ecco quindi la mia recensione, sotto forma di diario di lettura, facilitata dalla forma del libro come serie di racconti.…
[ Continua a leggere! ]

Una vita da lettore, di Nick Hornby

Una vita da lettore non è esattamente un libro: è una raccolta di articoli apparsi su una rivista letteraria, il Believer, che però ha delle regole ben precise: non vuole pubblicare stroncature. Non si direbbe che questo fermi la penna di Hornby dall’esprimere le sue opinioni, ma di certo la limita, anche solo nel rendere anonimi gli autori dei libri senza titolo che purtroppo stanno nella lista degli abbandonati o interrotti.…
[ Continua a leggere! ]

La dodicesima notte, di William Shakespeare

Composta tra il 1599 e il 1601, è una commedia in cinque atti scritta da William Shakespeare in occasione della festa della dodicesima notte – da cui il titolo, altrimenti fuorviante – ovvero l’Epifania.
Ambientata nell’Illyria, l’odierna Albania, ha, tuttavia, molti aspetti della società inglese di fine Cinquecento, ma ciò non deve essere per forza visto come un difetto: Shakespeare conosce benissimo l’Inghilterra e Londra ed è, quindi, naturale che ci descriva quell’ambiente anche se con un occhio spiccatamente critico e mai ottuso.…
[ Continua a leggere! ]

Siamo stati premiati!

Ho scoperto per caso di aver ricevuto dal blog biblios un premio molto carino:

Copio e incollo il "regolamento" dell’iniziativa:

“D eci e lode” è un premio, un certificato, un attestato di stima e gradimento per ciò che il premiato propone.


[ Continua a leggere! ]

Padiglioni Lontani, di M. M. Kaye

Tra le opere dell’autrice Mary Margaret Kaye, la più famosa è sicuramente Padiglioni lontani (1978), uno dei libri più belli che abbia mai letto, che racchiude in sè tutti i generi letterari. E’ un romanzo di formazione, d’amore, d’avventura, di guerra, a sfondo sociale, storico ecc….  E’ stato un bestseller diversi anni fa; e in inghilterra ne hanno anche tratto uno sceneggiato televisivo di grande successo.…
[ Continua a leggere! ]