Autore: Alessia Heartilly

Annata 1980, ho iniziato a leggere fin da piccola e da allora non mi sono più fermata. E' proprio grazie alla lettura che ho imparato ad amare anche la scrittura; prendevo carta e penna per scrivere la continuazione dei libri che mi piacevano. Dal 2001 scrivo fanfiction, le traduco, e continuo a leggere e scrivere felicemente... e spero di poterlo fare per tanto tempo ancora.

La dama e l’unicorno, di Tracy Chevalier

Incuriosita dalle buone recensioni che avevo letto su questa autrice, soprattutto su La ragazza con l’orecchino di perla, ho deciso di provare a leggere qualcosa di suo. Il bookcrossing mi è venuto in aiuto, e ho iniziato a conoscerla con La dama e l’unicorno, un libro che ho apprezzato davvero tanto (l’ho finito in un solo giorno).…
[ Continua a leggere! ]

The House of Mirth, Edith Wharton

Lily Bart.
Una ragazza abituata ai lussi e alle comodità, che si trova un giorno a dover cercare di sposarsi per mantenere quella sicurezza che ha sempre conosciuto; e per fare questo, spende più del necessario e si indebita con alcuni uomini, che fanno sembrare le cose diverse da quello che in realtà sono.…
[ Continua a leggere! ]

Omero, Iliade, di Alessandro Baricco

Della genesi di Omero, Iliade di Baricco si è parlato tantissimo ai tempi in cui il libro uscì. Nasce infatti dalla considerazione che l’Iliade era, in principio, un poema trasmesso oralmente (nella versione di Omero, infatti, ricorrono varie volte alcune formule o gruppi di parole il cui scopo era agevolare la memoria degli aedi); la sua lunghezza, però, impedirebbe oggi come oggi di farne una lettura pubblica – di trasmetterla oralmente, appunto – senza stancare un pubblico magari anche digiuno di mitologia, e che quindi fatica a capire certi passaggi o si perde nei numerosi epiteti di dei ed eroi.…
[ Continua a leggere! ]

L’utopia, Tommaso Moro

Un classico della filosofia. E come tale è difficile parlarne, perchè i classici hanno sempre questo alone di "intoccabilità" intorno: per la fama, per l’importanza, per il ruolo culturale che hanno avuto.
Io spero di non attirarmi insulti e lanci di oggetti vari dicendo che questo testo è piuttosto noioso, e nonostante porti idee buonissime ed interessanti su cui riflettere, lo stile con cui vengono narrate non invoglia molto alla lettura.…
[ Continua a leggere! ]

Presagio triste, Banana Yoshimoto

Comincio con il dire subito che, nonostante il titolo, "Presagio triste" è un romanzo di una dolcezza inaspettata, in cui la tristezza si stempera spesso in malinconia o desiderio di conoscersi. L’atmosfera in cui ci si muove è rarefatta, nebbiosa come durante un acquazzone-secondo la definizione della protagonista.…
[ Continua a leggere! ]

Eragon – Christopher Paolini

Il libro rispecchia tutti i classici canoni del fantasy epicocavalleresco, un giovane ragazzo che da Sig.Nessuno si trasforma  nel salvatore, elfi belli e perfetti, nani scorbutici, maghi buoni contro maghi cattivi, …
Il pregio del libro è che è stato scritto da un ragazzo, un giovane quindicenne, che è poi riuscito a pubblicare il libro grazie all’aiuto, morale e finanziario, della famiglia e che si è poi messo talmente in evidenza che del suo racconto ne faranno dei film.…
[ Continua a leggere! ]